Home

Good Italy

Bella, Elegante, Affascinante

Ultimi messaggi dal Blog

  • I migliori posti per trovare appartamenti in Toscana

    Vacanze in Toscania (Italia) in Agriturismo, Coloniche, Agriturismi, Ville, Hotel, Bed and Breakfast

    Agriturismo de gooditaly.net, è una guida completa agli alloggi in agriturismo, ville in Toscana, appartamenti in agriturismo in Toscana e pensioni in tutta Italia. Trova il tuo alloggio cercando nel nostro ‘database di alloggi in Italia’ per località e servizi, o prova la nostra affascinante selezione di case vacanze in Italia. Buon viaggio!

    Questa è la nostra selezione unica di alloggi in agriturismo che ti riporterà indietro nel tempo all’epoca dell’agriturismo, quando contadini e cittadini vivevano insieme in belle case coloniche, semplici condomini e belle ville. Tutti vi daranno un posto dove stare mentre visitate ed esplorate tutti i villaggi e le stazioni collinari d’Italia.

    La campagna italiana è nota per essere la più bella d’Europa. La sua pittoresca campagna è stata oggetto di libri fotografici, ha scattato innumerevoli foto di una bellissima campagna.

    Il meglio dell’Italia è a Tuscany Villa accommodation, un complesso di ville toscane con ville a 4 e 5 stelle che vanno da 160 in poi a notte. Ora puoi trovare alloggi in agriturismo vicino ad alcuni dei migliori ristoranti, hotel e negozi d’Italia. Esci, cena e porta a casa un vino perfetto. Vai in giro per la campagna e goditi la vita e i ritmi locali che rendono grande questo posto.

    Se vuoi trovare un posto dove stare, questo sito ti mostra 4 diverse ville coloniche, appartamenti, hotel, bed and breakfast e appartamenti self catering che puoi affittare o comprare. Ho scoperto che la migliore sistemazione quando sono alla ricerca di un alloggio in agriturismo è quando trovo appartamenti self catering e appartamenti. Gli appartamenti che trovo sono di solito situati nella periferia di Tuscany Villa, quindi non sono sempre i più vicini agli alloggi in agriturismo, ma di solito sono a breve distanza in auto. Così si otterrà un po ‘di pace della mente in più, e la privacy in più, con un appartamento di proprietà. Ma ecco una sbirciata a 4 appartamenti che puoi trovare a Tuscany Villa.

    1. Arboretum Studio

    Questo appartamento ha una cucina completa, zona giorno, bagno e due camere da letto. Ha un posto auto aggiuntivo, un cortile riscaldato ed è vicino al mercato in modo da poter fare scorta di frutta e verdura fresca. Situato vicino ad alcuni splendidi dintorni vicino al Lago Trasimeni, questo è il posto da scegliere.

    1. Agriturismo

    Questo appartamento ha una cucina completamente attrezzata e un soggiorno con una camera da letto. Si trova vicino ai mercati e ha anche un posto auto aggiuntivo.

    1. Studio Caledonia

    Questo appartamento ha due camere da letto, camera da letto completamente arredata e si trova in una delle migliori posizioni in Toscana Villa. Ha anche un cortile riscaldato.

    1. Casa colonica 2

    Questo appartamento è uno dei migliori appartamenti in Tuscany Villa, è completamente arredato e si trova nel cuore dei vigneti. Si trova a pochi minuti dai mercati. Quindi è facile godersi la vita locale e mantenere basse le spese. Questo è un alloggio a 4 stelle ma può essere classificato come 3 per facilità di prenotazione.

    1. Studio Sartana

    Questo appartamento ha due camere da letto, completamente arredato uno e si trova in una delle migliori posizioni in Toscana Villa. Ha anche un posto auto aggiuntivo ed è in una delle migliori posizioni in Tuscany Villa. Questo è un alloggio a 3 stelle ma può essere classificato come 4 per facilità di prenotazione.

    Questi sono alcuni dei posti migliori per trovare appartamenti in Toscana.

  • Com’era il cibo italiano prima dei pomodori
    Pochi alimenti racchiudono il sapore dell’Italia come il pomodoro, o quello che in inglese chiamiamo pomodoro. Ma per quanto il pomodoro sia iconico per la cucina italiana, non è sempre stato così. Il pomodoro veniva dalle Americhe, e fu introdotto in Italia solo nel XV o XVI secolo. Com’era il cibo italiano prima che gli italiani avessero il pomodoro? Al Ferraro Restaurant & Wine Bar, siamo appassionati di ogni aspetto della tradizione culinaria italiana – quindi siamo qui per far tornare indietro l’orologio e mostrare cosa mangiavano gli italiani prima del pomodoro. CIBO ITALIANO SENZA POMODORO Prima del pomodoro, la dieta italiana era in gran parte simile a quella del resto del Mediterraneo. Il pane, la pasta, le olive e i fagioli erano tutti prodotti di base, e gli italiani preparavano anche una varietà di diversi tipi di polenta. La dieta sarebbe variata anche a seconda della regione: il pesce era molto presente vicino alla costa, mentre le comunità dell’entroterra si affidavano maggiormente alla carne di maiale e alla selvaggina. I cibi sarebbero stati insaporiti con aglio, cipolla e pepe, e l’olio d’oliva ha sempre avuto un ruolo centrale nella cucina della regione. Quando è entrato in gioco il pomodoro? Non si conosce la data esatta – alcuni dicono che Christopher Colombus lo riportò indietro, mentre altri attribuiscono a Hernan Cortez il merito di averlo riportato nel 1521. In ogni caso, i pomodori introdotti per la prima volta in Italia erano molto diversi da quelli che conosciamo oggi: erano molto più piccoli, più o meno delle dimensioni del moderno pomodoro ciliegino, e di colore giallo. Nel 1544, il pomodoro apparve in una guida erboristica di Pietro Andrea Mattoli, che lo chiamò il Pomo d’oro, o mela d’oro – che è dove oggi troviamo il pomodoro. In ogni caso, il pomodoro divenne ben presto un punto fermo della cucina italiana, con i contadini che lo coltivavano in modo selettivo nelle più grandi varietà rosse che oggi conosciamo e amiamo.
  • Cosa comprare durante lo shopping in Italia
    Non c’è scarsità di cose da comprare in Italia, soprattutto se si ama collezionare souvenir. Vetro e maschere veneziane, pelletteria fiorentina, completi di moda, stivali in pelle pregiata, ceramiche dipinte a mano e una bottiglia di limoncello di produzione locale sono solo alcune delle tante cose che si possono acquistare in Italia. Se amate viaggiare, sarete d’accordo che sarebbe difficile viaggiare in un posto come l’Italia e non portare a casa niente. Tuttavia, può essere un compito arduo trovare il giusto souvenir con così tanti articoli prodotti in serie e repliche che in questi giorni affollano il mercato. Uno dei consigli più utili per lo shopping in Italia è quello di acquistare direttamente dal produttore, quando possibile. In questo modo si può essere certi di portare a casa un artigianato unico!
  • Mangiare il piatto più famoso e delizioso del mondo
    Anche se una fetta di pane piatto servita con olio e spezie era in circolazione molto prima dell’Unità d’Italia, forse non c’è piatto così comune o rappresentativo del paese come l’umile pizza. Facile, economica e farcita, la pizza è stata a lungo uno spuntino o un pasto comune, soprattutto a Napoli, dove la salsa di pomodoro è stata aggiunta per la prima volta. Quando la regina italiana Margherita, nel 1889, durante un tour del suo regno, attraversò la vivace città, nel 1889, chiese di provare questo piatto che vide mangiare tanti suoi sudditi. Un imprenditore locale le servì l’ormai leggendaria combinazione di salsa di pomodoro, mozzarella e basilico, creando (o più probabilmente marchiando) la pizza Margherita. Per coincidenza o per disegno, la Margherita mostra anche i colori della bandiera italiana. Oggi, ci sono essenzialmente due tipi di pizza tra cui scegliere in Italia: la pizza alla napoletana, o la pizza alla romana (anche se, ad essere onesti, esistono molti luoghi di consegna che sono un felice mezzo tra i due). La pizza alla napoletana ha una crosta spessa e soffice. Tende ad avere un diametro un po’ più piccolo, perché la pasta non è stata ancora srotolata ed è più farcita. La pizza alla romana ha una crosta sottile come la carta e solo il minimo croccante (non vorrete che sia inzuppata!) È più grande di diametro ma tipicamente più leggera e meno glutinosa. A causa della storia di Napoli con la Regina Margherita, la città sostiene di essere il luogo di nascita della pizza moderna, anche se il punto è dibattuto in tutta Italia. Comunque sia, la regola generale per ordinare la pizza in Italia è quella di sparare per meno condimenti. Si dovrebbe anche essere scettici nei confronti delle pizzerie che caricano i condimenti sulle loro torte – questa può essere spesso una tattica usata per coprire l’uso di ingredienti poveri. Meno condimenti sono un segno di fiducia nel prodotto perché ogni condimento deve essere esemplare. Qualunque sia la pizza che preferite, l’altra regola empirica è: Quando sei a Roma, fai come i romani, cioè mangia la pizza alla romana. A Napoli, naturalmente, fate come i napoletani.
  • Venite a scoprire i bellissimi canali di Venezia

    Un giro in gondola attraverso i canali di Venezia è una tradizione di cui i viaggiatori godono da secoli. Venezia è una città di isole, e i canali sono stati a lungo le strade principali della città, collegate da un labirinto di stretti passaggi. I canali sono fiancheggiati da antichi edifici che sono rimasti relativamente immutati per centinaia di anni, aggiungendovi il fascino romantico. Il Canal Grande è il più famoso di questi corsi d’acqua e uno dei luoghi più fotografati di Venezia. Il modo migliore per vedere molti dei grandi palazzi, le cui facciate si affacciano sull’acqua, è da un giro in vaporetto lungo il Canal Grande.

  • Visitare il Colosseo: Highlights, consigli e tour
    L’Anfiteatro Flavio, meglio conosciuto al mondo come Colosseo, è l’icona più universalmente riconosciuta a Roma. Potete esplorare questa popolare attrazione turistica da soli o fare una visita guidata per maggiori informazioni e l’opportunità di fare domande man mano che procedete. Nonostante i danni provocati dagli incendi, dai terremoti e dall’incuria, così come la sua trasformazione in fortezza della famiglia Frangipani, il saccheggio della sua pietra per la costruzione di palazzi e il costante inquinamento del traffico moderno che lo circonda, il Colosseo crea ancora una forte impressione della sua forma originale. La più grande struttura sopravvissuta dell’antica Roma, il Colosseo fu iniziata da Vespasiano nel 72 d.C., e otto anni dopo ampliato dal figlio Tito, aggiungendo il quarto piano. Il nome del Colosseo deriva dall’immensa statua di Nerone, chiamata il colosso dopo il Colosso di Rodi, che sorgeva nelle vicinanze; l’intera area era originariamente all’interno della Domus Aurea di Nerone, il suo complesso di palazzi nel centro dell’antica Roma.

Dove alloggiare

l’Italia ha molto da offrire in termini di alloggio, dai bed and breakfast, agli hotel di città, alle ville e agli alberghi di charme.

Sicuramente, c’è molto da scegliere. Qui, vi mostreremo alcuni posti dove potrete soggiornare e aggiorneremo la lista di tanto in tanto